QUAYOLA
Forze / Vettori / Cromie – Tempeste digitali e moti in espansione
03.09.2022-27.11.2022

Quayola
Forces / Vectors / Chromia – Digital storms and expanding motions

Curated by Valentino Catricalà

From September 3rd to November 27th, 2022
Opening on Saturday, September 3rd at 6 pm

Galleria Marignana Arte
Dorsoduro, 141, Rio Terà dei Catecumeni, Venice

In his research, Quayola, a well-known artist on the international contemporary scene, questions the hierarchies between what is human, natural, and technological. His work explores new esthetics and algorhythmic visions arisen from working with the technical devices that observe and codify the world.

Storms pursues Quayola’s scrutiny of traditional landscape painting, using advanced technologies to explore its pictorial substance. The Storms’s series are digital paintings, and yet in continuity with the painting of the historic legacy. Ultra-high definition videos of stormy seas shot on the coasts of Cornwall are used like a dataset from which to draw so as to produce the digital paintings. The video is not the matrix of the painting, instead it is the data inferred by it: vectors and chromia, forces and intensity.

Quayola works “by painting like something already painted” using techniques never yet used for painting. The esthetics, arisen not from the painstaking practice of the gesture on the canvas but from algorhythms, arouses a new astonishment before a nature seen as for the first time, alien but recognizable. The artist codifies reality, blending mnemonic, historic, and retinic knowledge. The machine is programmed to produce a “traditional painting” out of the digital substance: a pixel painting.

Press release

Quayola
Forze / Vettori / Cromie – Tempeste digitali e moti in espansione

A cura di Valentino Catricalà

Dal 03 settembre al 27 novembre 2022
Vernissage sabato 03 settembre ore 18.00

Galleria Marignana Arte
Dorsoduro, 141, Rio Terà dei Catecumeni, Venezia

Nella sua ricerca, Quayola, artista riconosciuto nel panorama contemporaneo internazionale, si interroga sulle gerarchie tra umano, naturale e tecnologico. L’opera di Quayola esplora nuove estetiche e visioni algoritmiche generate dalla collaborazione con gli apparati tecnologici che osservano il mondo e lo codificano.

Storms prosegue la ricerca di Quayola sulla pittura di paesaggio tradizionale, esplorandone la sostanza pittorica attraverso avanzate tecnologie. Storms è una serie di dipinti digitali, eppure in continuità con la pittura dell’Heritage storico. Video ad ultra-high definition di mari in tempesta girati sulle coste della Cornovaglia vengono utilizzati come un dataset da cui attingere per generare le pitture digitali. Il video non è la matrice del dipinto, lo sono i dati che da esso si desumono: vettori e cromie, forze e intensità.

Quayola opera “dipingendo come il già dipinto” con tecniche mai utilizzate per la pittura. L’estetica generata non dalla pratica meticolosa del gesto sulla tela, ma dagli algoritmi, provoca un nuovo stupore nei confronti di una natura vista come per la prima volta, estranea, ma riconoscibile. L’artista codifica la realtà, fondendo conoscenza mnemonica, storica e retinica. La macchina è programmata a produrre una “pittura tradizionale” dalla sostanza digitale, una pittura di pixel.

Comunicato stampa